Beat Italiano – dai Capelloni a Bandiera gialla

Beat Italiano-Dai Capelloni a Bandiera GiallaAutore:Tiziano Tarli
Edito da Castelvecchi
2007
NOTE
Un paragrafo del libro è interamente dedicato a Patty Pravo,definita dall’autore ‘la protagonista in assoluto del beat italiano’.
Grazie alle sue stelle (e stelline), ai suoi modi, a quel suo spirito di ribellione, il fenomeno beat italiano ha rappresentato un punto di svolta, sia sociale che culturale, in un’Italia uscita a pezzi dalla Seconda Guerra Mondiale, immobile sulle sue tradizioni, affatto curiosa. Durò qualche anno certo, ma fu una lucente meteora che illuminò le menti assopite di una generazione di giovani spenta e inconsapevole di quanto fosse bello essere ragazzi, ragazzi di per sé. Partendo dalle sue origini legate alla Beat Generation americana fino alla Londra dei Beatles, vengono analizzati circa cinquanta artisti beat italiano, i locali più significativi come il Piper di Roma, le riviste specializzate come ‘Big’, le manifestazioni musicali come il Cantagiro e la trasmissione radio Bandiera Gialla. E ancora: la nascita e la diffusione del fenomeno delle messe beat («composizioni mistico-religiose per chitarre elettriche, batteria, organo solenne e voci»), il boom discografico, la Hit Parade delle canzoni beat, l’antimilitarismo e il pacifismo, la protesta contro un mondo vecchio e consunto, il movimento dei Capelloni in Italia e l’analisi dei loro ideali. Con una ricca bibliografia e discografia di riferimento per un primo approccio al beat italiano.